Al 31 dicembre 2013 risiedono in Italia oltre 60 milioni di persone, di cui più di 4 milioni e 900mila di cittadinanza straniera e che rappresentano l’8,1% della popolazione. Lo scorso anno i nati nel nostro Paese da entrambi i genitori stranieri sono stati oltre 77mila, mentre le acquisizioni di cittadinanza registrate sono 100.712. Questo quanto emerge dall’ultimo ‘Bilancio demografico nazionale 2013’, realizzato dall’Istat.

I cittadini stranieri residenti in Italia nel 2013 sono 4.922.085, pari all’8,1% dei residenti. Rispetto al 2012, inoltre, nell’ultimo anno si è registrato un aumento dei residenti stranieri pari al 12,25%.

In Italia, la popolazione straniera risiede prevalentemente nelle regioni del Nord e del Centro. Il primato delle presenze sia in termini assoluti che percentuali si assegna alle regioni del Nord-ovest che registrano 1.702.396 di residenti, pari al 34,6% del totale dei residenti stranieri.

Nel 2013 il numero di bambini stranieri nati in Italia è pari a 77.705 e rappresentano il 15,1% dei nati nel nostro Paese, nonostante rispetto al 2012 siano state rilevate 2.189 nascite in meno.

Nel 2013 sono state registrate le acquisizioni di cittadinanza italiana di 100.712 cittadini stranieri, un valore in forte aumento rispetto al 2012 (+54%). Il dato comprende le acquisizioni e i riconoscimenti della cittadinanza per: matrimonio, naturalizzazione, trasmissione automatica al minore convivente da parte del genitore straniero divenuto cittadino italiano, per elezione da parte dei 18enni nati in Italia e regolarmente residenti dalla nascita, per ius sanguinis.

Tra i nuovi cittadini italiani sono più numerose le donne (51,4% del totale), mentre a livello territoriale le acquisizioni di cittadinanza risultano più numerose dove si concentra maggiormente la popolazione straniera: Lombardia (25,9%), Veneto (14,5%), Emilia Romagna (14,1%).

Istat ‘Bilancio demografico nazionale 2013’

Leggi anche:

Diritti di cittadinanza UE: presentata indagine sui ‘nuovi cittadini italiani’

Cittadinanza: nel 2011 sono oltre 700 mila i nuovi cittadini europei

Ius soli: il 79% degli italiani introdurrebbe la cittadinanza per i figli degli immigrati

 

Condividi