‘Gli italiani sono grandi lavoratori’, lo pensa il 78,3% degli stranieri residenti in Italia, mentre il 26,1% sostiene che ‘gli italiani sono razzisti’. Questi sono alcuni dati emersi da un sondaggio, realizzato dalla Fondazione Leone Moressa, che ha cercato di scoprire cosa pensano degli italiani i cittadini stranieri che vivono nel nostro paese.

La Fondazione Leone Moressa attraverso la realizzazione di 600 interviste a famiglie straniere che vivono in Italia ha realizzato, a metà luglio, un sondaggio che indaga la percezione che i cittadini stranieri residenti nel nostro paese hanno degli italiani.

Il 78,3% degli stranieri ritiene che gli italiani siano dei grandi lavoratori, ma meno degli immigrati (90%), e che italiani e stranieri amino allo stesso modo la bella vita. Il 26,1% è d’accordo con l’affermazione ‘gli italiani sono razzisti’, mentre il 44,8% degli immigrati ritengono che siano spesso gli immigrati stessi a non volersi integrare. Un intervistato su tre (33,9%), infine, sostiene che ‘gli italiani sono corrotti’.

La maggior parte degli intervistati, circa il 67,6%, dichiara di essere in grado di leggere e scrivere in italiano. Uno su quattro afferma di possedere una comprensione ottimale della lingua, appresa a scuola (40,8%) o sul posto di lavoro (39,4%).

I cittadini stranieri residenti in Italia dimostrano anche una buona conoscenza delle istituzioni: quasi il 90% sa che la capitale d’Italia è Roma, il 56,3% conosce il nome del presidente della Repubblica e il 53,5% conosce il nome del presidente del Consiglio. Mentre un cittadino straniero su due (50,7%) dichiara di sapere che ‘Fratelli d’Italia’ è l’inno nazionale.

Ma cosa piace di più del nostro paese agli immigrati? Il 37,2% sceglie il lavoro, il 24,4% il cibo. Invece, la politica è ciò che piace meno. Fra i personaggi politici, premesso che il 42,5% non si esprime, Matteo Renzi riscuote il consenso maggiore (23,3%). Seguono Silvio Berlusconi (15,1%) e Beppe Grillo (12,3%). Angelino Alfano ottiene il 5,5% delle preferenze.

Infine, stupisce la percezione che gli immigrati hanno del fenomeno migratorio, oltre 6 intervistati su 10 ritengono che sia troppo facile per gli stranieri entrare in Italia e che le leggi non siano abbastanza dure con i cittadini stranieri che delinquono. D’altro canto, sentono fortemente il tema della cittadinanza: l’82,4% afferma che dovrebbe esserne facilitata l’acquisizione.

Leggi anche:

Seconde generazioni: online la nuova guida sulla cittadinanza italiana

Caritas-Migrantes: nel 2012 sono oltre 232 milioni le persone che hanno abbandonato il proprio paese di origine

Comuni italiani: nel 2012 l’85% dei minori stranieri non accompagnati è stato accolto da 78 enti locali

Ius soli: il 79% degli italiani introdurrebbe la cittadinanza per i figli degli immigrati

Condividi