Sono 847 tra migranti e rifugiati, i nuovi destinatari dei progetti e dei servizi offerti da Programma integra nel 2013. Hanno usufruito di sostegno socio-legale, orientamento lavorativo, counseling, mediazione socio-abitativa e interculturale, sostegno allo startup di impresa. In 58 sono stati inseriti in tirocini formativi nelle aziende del territorio. A queste attività si aggiungono quelle di formazione e aggiornamento professionale che hanno riguardato i professionisti del sociale e quelle di informazione attraverso il sito web www.programmaintegra.it che ha avuto oltre 150mila lettori.  Questi i principali risultati di un anno di attività – il 2013 – contenuti nel 1° Bilancio sociale di Programma integra.

Sono 4 le aree di intervento attraverso cui Programma integra realizza la sua missione, ognuna finalizzata a rispondere ai bisogni di specifici portatori di interesse.

L’area dei Percorsi di inclusione sociale si rivolge ai migranti, richiedenti e titolari di protezione internazionale, e minori stranieri non accompagnati con servizi di assistenza socio-legale, orientamento al lavoro, percorsi individuali, di gruppo e di counseling, corsi di lingua italiana e di formazione professionale, servizi di mediazione linguistico-culturale, mediazione sociale in ambito abitativo e supporto all’auto imprenditorialità. Nel 2013 i percorsi di inclusione sociale hanno riguardato 847 nuovi destinatari di cui 352 assistiti dal servizio socio-legale, 281 dal servizio di orientamento al lavoro, 288 che hanno beneficiato di uno dei progetti di inserimento lavorativo e/o mediazione sociale in ambito abitativo realizzati. In 58 hanno partecipato a tirocini formativi attivati in una delle aziende del territorio romano con cui PI collabora e sono 9 i corsi di formazione linguistica e professionale erogati.

L’area Promozione della collaborazione, della conoscenza e dell’innovazione tra gli operatori offre corsi di formazione e aggiornamento, promuove e realizza attività di ricerca e scambio di buone pratiche. Nel 2013 quest’area, di più recente istituzione, ha realizzato 3 corsi di formazione e formato un totale di 107 professionisti del sociale tra cui: mediatori interculturali, operatori sociali, psicologi, insegnanti di lingua italiana L2.

L’area Coinvolgimento della comunità nella sfida dell’integrazione realizza azioni di informazione e sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza e agli operatori economici del territorio. Tra i servizi che fanno capo a questa area troviamo il sito web www.programmaintegra.it che nel 2013 ha  avuto oltre 12mila lettori al mese, la maggioranza dei quali provenienti dalle grandi città italiane e interessati alle tante notizie pubblicate quotidianamente in tema di aggiornamento giuridico, formazione, bandi e concorsi, schede tematiche su ricongiungimento familiare, cittadinanza, permessi di soggiorno. Tra le attività di comunicazione, di grande interesse il progetto ‘Europa nelle lingue del mondo’ che ha avuto l’obiettivo di informare i cittadini naturalizzati italiani sui diritti di cittadinanza europea e che è stato definito una buona pratica dal Club di Venezia, il network che riunisce i referenti della comunicazione dei 28 Paesi membri UE.

L’area Sostegno alle istituzioni nella progettazione ad alto impatto offre assistenza tecnica all’amministrazione locale nella progettazione, gestione, monitoraggio e rendicontazione di interventi innovativi di inclusione sociale per migranti e rifugiati. Nel 2013 Programma integra per l’amministrazione locale di Roma Capitale ha collaborato alla progettazione dello SPRAR – Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati per il triennio 2014 -2016 e ha proseguito il lavoro di gestione dei contenuti del sito web del Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute.

Oltre a riportare i risultati di un anno di attività, il Bilancio sociale fornisce informazioni sulla composizione delle risorse economiche e sul loro allocamento. Si sottolinea che oltre il 50% di esse è stato destinato alla gestione di servizi e progetti facenti capo all’area Percorsi di inclusione sociale e quindi a supportare i percorsi di integrazione di migranti e rifugiati.

Il percorso di redazione del Bilancio sociale 2013 si è svolto tra aprile e ottobre 2014  e ha coinvolto tutto lo staff permettendo una riflessione su identità e missione, e sui risultati economici e sociali raggiunti. Un percorso che ha inteso misurare e valutare i risultati dell’attività della cooperativa e, allo stesso tempo, ha permesso all’intero staff di riflettere sull’identità aziendale portando alla definizione di una missione chiara e condivisa e, allo stesso tempo, alla redazione di un documento per comunicare con i portatori di interesse – migranti, rifugiati, istituzioni, aziende, professionisti del sociale – il cui sostegno, aggiornamento, supporto rappresenta il fine ultimo di Programma integra.

Bilancio sociale 2013

Guarda l’infografica del Bilancio sociale 2013

Leggi anche:

Le attività di Programma integra nel 2012: presi in carico oltre 800 tra migranti e rifugiati

 

 

Condividi