Durante il vertice svoltosi a Malta il 3 febbraio i leader UE hanno adottato la dichiarazione di Malta, contenente misure di contenimento dei flussi dei migranti irregolari dalla Libia verso l’Italia.

Gli Stati UE in modo unanime attraverso la Dichiarazione di Malta affermano che ‘un elemento centrale di una politica migratoria sostenibile consiste nel garantire un controllo efficace della nostra frontiera esterna e nell’arginare i flussi illegali verso l’UE’.

La Dichiarazione ha come principali priorità:

  • formazione, equipaggiamento e supporto per la guardia costiera nazionale libica e altre agenzie pertinenti;
  • sforzi intesi a smantellare il modello di attività dei trafficanti attraverso un’azione operativa rafforzata, nel quadro di un approccio integrato che coinvolga la Libia, altri paesi situati lungo la rotta e i pertinenti partner internazionali;
  • sostegno allo sviluppo delle comunità locali in Libia, in particolare nelle zone costiere e presso le frontiere terrestri libiche lungo le rotte migratorie;
  • impegno volto a garantire, in Libia, capacità e condizioni di accoglienza adeguate per i migranti, unitamente all’UNHCR e all’OIM;
  • sostegno all’OIM per intensificare in maniera significativa le attività di rimpatrio volontario assistito;
  • rafforzamento delle campagne di informazione e sensibilizzazione destinate ai migranti in Libia e nei paesi di origine e di transito, segnatamente per contrastare il modello di attività dei trafficanti;
  • aiuti per la riduzione delle pressioni alle frontiere terrestri della Libia, collaborando con le autorità libiche e con tutti i vicini della Libia;
  • monitoraggio di rotte alternative e di possibili deviazioni delle attività dei trafficanti;
  • sostegno continuativo agli sforzi e alle iniziative dei singoli Stati membri impegnati direttamente con la Libia;
  • approfondimento del dialogo e della cooperazione sulla migrazione con tutti i paesi confinanti con la Libia, inclusa una migliore cooperazione operativa con gli Stati membri e la guardia di frontiera e costiera europea per quanto riguarda la prevenzione delle partenze e la gestione dei rimpatri.

Dichiarazione di Malta

Leggi anche:

Flussi migratori: nel 2015 oltre 100mila richiedenti asilo presenti nel sistema di accoglienza italiano

Frontex: nel 2016 giunti in Europa oltre 360mila migranti

Condividi