La Commissione europea, visto il recente aumento degli arrivi in UE di minori migranti, ha definito una serie di azioni prioritarie da realizzare al fine di rafforzare la protezione di tutti i minori stranieri.

Sulla base dell’esperienza maturata in tutti i settori pertinenti, la Commissione propone una serie di azioni prioritarie su cui gli Stati membri devono concentrarsi, con il sostegno della Commissione e delle agenzie dell’UE, per garantire maggiore protezione ai minori stranieri e rafforzare il collegamento tra i servizi di asilo e quelli di protezione dei minori:

  • Rapida identificazione e protezione fin dal momento dell’arrivo: occorre che, fin dalle prime fasi della registrazione, sia presente un responsabile della protezione dei minori in tutte le strutture di accoglienza che ospitano minori, e che in ogni punto di crisi (hotspot) siano nominate persone incaricate della protezione dei minori. Gli Stati membri devono predisporre le procedure necessarie per segnalare sistematicamente tutti i casi di minori scomparsi e scambiarsi informazioni in merito.
  • Condizioni di accoglienza adeguate per i minori: le esigenze di ogni minore devono essere valutate appena possibile al momento dell’arrivo e tutti i minori devono avere immediatamente accesso all’assistenza giuridica, all’assistenza sanitaria, al sostegno psicosociale e all’istruzione, a prescindere dal loro status. E’ necessario fare tutto il possibile per offrire alternative al trattenimento amministrativo per i minori;
  • Determinazione rapida dello status e tutela efficace: occorre potenziare il ruolo dei tutori per i minori non accompagnati. A tale scopo la Commissione istituirà una rete europea per la tutela e per lo scambio delle buone pratiche. Per aiutare gli Stati membri ad attuare procedure per una valutazione affidabile dell’età, l’EASO aggiornerà le sue linee guida. Bisogna inoltre impegnarsi in modo concertato per accelerare le procedure di ricerca delle famiglie e di ricongiungimento familiare all’interno o all’esterno dell’UE. In tutte le procedure connesse al processo migratorio, va sempre data la priorità ai casi in cui sono coinvolti minori. Ciò vale anche per la ricollocazione dei migranti non accompagnati dalla Grecia o dall’Italia.
  • Soluzioni sostenibili e misure di integrazione precoce: la Commissione promuoverà ulteriormente l’integrazione dei minori tramite finanziamenti e scambi di buone pratiche. Gli Stati membri sono invitati ad accelerare il reinsediamento dei minori bisognosi di protezione e ad assicurarsi che siano predisposte misure per la ricerca delle famiglie e la reintegrazione dei minori che devono essere rimpatriati.
  • Affrontare le cause primarie e proteggere i minori lungo le rotte migratorie al di fuori dell’UE: l’UE ha intensificato il suo impegno con i paesi partner per integrare la protezione dei minori migranti nel quadro di partenariato in materia di migrazione. Sono necessari ulteriori sforzi per aiutare i paesi partner a potenziare i sistemi nazionali di protezione dei minori e a impedire la tratta di minori. Si dovrà eseguire al momento opportuno un follow-up degli Orientamenti dell’UE in materia di promozione e tutela dei diritti del bambino recentemente rinnovati, anche nei paesi di origine e di transito.

Commissione UE_comunicato stampa 

Leggi anche:

UNICEF – UNHCR: accolta favorevolmente la nuova politica UE in tema di minori stranieri