Le necessità globali di reinsediamento continuano ad aumentare con l’incremento del numero di rifugiati, per questo Filippo Grandi – Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha richiesto un ingente aumento dei posti disponibili per i rifugiati nei paesi terzi.

A livello globale sono circa 1,2 milioni i rifugiati che hanno bisogno di reinsediamento, ma ci si aspetta che i posti disponibili quest’anno nei paesi di reinsediamento siano solamente 93.200.

Nel 2016, l’UNHCR ha presentato più di 162.500 casi di rifugiati per il reinsediamento – il numero più alto degli ultimi 20 anni – e più di 125.800 hanno iniziato la loro nuova vita in un paese terzo. Quasi la metà dei rifugiati presentati erano siriani, mentre 44mila provenivano dall’Africa sub-sahariana.

Il numero degli Stati coinvolti nel reinsediamento è cresciuto fino a quota 37 nel 2016, con alcuni governi europei che hanno istituito per la prima volta dei programmi e, tra gli altri, l’Argentina e il Brasile che hanno preso nuovi impegni per il reinsediamento dei rifugiati siriani.

Filippo Grandi – Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha espresso soddisfazione per l’aumento dei programmi di sponsorizzazione in ambito comunitario e privato, ed ha, inoltre, affermato ‘Anche se c’è una forte retorica contro i rifugiati, in alcuni quartieri abbiamo visto anche tante manifestazioni di buona volontà, con cittadini comuni che hanno offerto ai rifugiati la possibilità di vivere nei loro paesi, invitandoli nelle loro case e aiutandoli a trovare posti di lavoro’.

UNHCR_Comunicato stampa

Leggi anche:

UNHCR e Google: nasce Searching for Syria, un sito per rispondere a 5 domande sulla crisi dei rifugiati siriani

UNICEF – UNHCR: accolta favorevolmente la nuova politica UE in tema di minori stranieri