Il 14 dicembre 2018 a Roma presso il Santa Maria della Pietà si svolgerà l’evento conclusivo del progetto FARI- Formare assistere riabilitare inserire, finanziato nell’ambito del FAMI che vede come capofila la ASL Roma 1  e di cui Programma integra è partner. 

Dalle 15,00 alle 19,00 del 14 dicembre i padiglioni del Santa Maria della Pietà ospiteranno le voci, i racconti, le parole di chi in questi due anni ha portato avanti le attività del progetto FARI- Formare Assistere Riabilitare Inserire. Un progetto ambizioso guidato dal Centro SaMiFo della Asl Roma 1, che ha avuto l’obiettivo di fornire risposte efficaci ai bisogni di salute fisica e mentale dei richiedenti asilo e dei titolari di protezione internazionale (anche minori) presenti nel territorio regionale, attraverso la sperimentazione di modelli di intervento sanitari innovativi e integrati.

Durante l’evento oltre alla presentazione dei risultati da parte del coordinatore di progetto, ci sarà la proiezione del video che racconta a più voci le esperienze e l’impatto che il progetto ha avuto sui beneficiari diretti – i rifugiati – e quelli indiretti – gli operatori socio sanitari. A raccontare poi le attività ci saranno i partner: Caritas, Centro Astalli, Programma integra e Cespi.

In particolare Programma integra si è occupata dell’organizzazione della mediazione lingustico-culturale del progetto, creando un’equipe di mediatori  che hanno lavorato presso il SaMiFo, presso i Dipartimenti di salute mentale e presso i centri di accoglienza attraverso l’impiego di unità mobili.

Le ore totali di mediazione culturale svolte in presenza sono state 4.601 di cui:

  • 1184 ore in lingua Wolof
  • 1088 ore in lingua Pular
  • 1973 ore in lingua Araba/francese
  • 356 ore in lingua Farsi

Oltre alle ore erogate in presenza sono state gestite ed erogate 160 ore di mediazione a chiamata a richiesta dei servizi attraverso una segreteria specializzata che ha coordinato gli interventi e organizzato le mediazioni. Le mediazioni a chiamata sono state realizzate
principalmente in lingua bangla.

Locandina 

Per maggiori informazioni consulta la scheda progetto

Condividi