Provengono da Albania, Egitto, Guinea, Nigeria, Tunisia, Somalia, Mali, sono giovanissimi, affiatati, molto motivati e determinati a diventare dei bravi barman. Ecco l’identikit dei 15 partecipanti al corso professionalizzante “Lavorare al bar”, cura della Fondazione Il Faro e promosso da Programma integra tra le attività del progetto Never Alone.

 

 

 

Si è avviata il 26 febbraio scorso una nuova attività formativa che, in linea con gli obiettivi del progetto Never Alone, intende condurre i minori stranieri non accompagnati e i neo maggiorenni residenti nel Comune di Roma in un percorso specifico di formazione e avviamento all’autonomia sociale e lavorativa. Lavorare al bar si propone in particolare di offrire una formazione di tipo professionale ai giovani beneficiari che intendono intraprendere il lavoro di banchista da bar e cameriere.

In questa fase del corso i docenti della Fondazione Il faro, si stanno concentrando su alcuni importanti aspetti che contraddistinguono un buon professionista del lavoro al bar, come la postura e il portamento, le tecniche di accoglienza del cliente, le diverse forme di servizi, la preparazione e la modalità di presentazione del prodotto.

Le lezioni si terranno fino a fine marzo , dal lunedì al venerdì e vedono in classe un gruppo affiatato di giovani motivati che si applicano nello studio e si aiutano reciprocamente. Questo atteggiamento e i risultati delle verifiche durante le lezioni, fanno ben sperare sull’esito della formazione e su un futuro inserimento lavorativo dei ragazzi in ambito alberghiero e ristorativo.

Questa attività rappresenta l’ultima delle molte iniziative ben riuscite condotte a Roma da Programma integra per il progetto Never Alone la cui programmazione terminerà il 4 aprile 2019. Dall’inizio delle sue attività ad oggi il progetto ha coinvolto oltre 120 beneficiari in corsi di formazione, orientamento all’abitare e percorsi di orientamento al lavoro con la redazione di curriculum vitaebilanci di competenze. Quest’ultima azione, che ha consentito di far emergere con maggior chiarezza abilità, preparazione, inclinazioni e desideri dei ragazzi coinvolti, ha facilitato poi l’attivazione di 23 tirocini formativi, ancora in svolgimento presso importanti hotel, ristoranti e mense della Capitale.

Il progetto NEVER ALONE, condotto a Roma da Programma integra, Civicozero e Centro Astalli, ha l’obiettivo di accompagnare i minori stranieri non accompagnati e i neo maggiorenni (17-19 anni), accolti a Torino, Roma e Catania, in percorsi specifici di formazione e avviamento all’autonomia sociale e lavorativa, con particolare attenzione a tutte le componenti dell’inclusione e dell’integrazione ovvero la dimensione educativa, formativa, sanitaria e sociale. NEVER ALONE è co-finanziato da Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariplo, Enel Cuore Onlus, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Fondazione CON IL SUD e Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

Leggi anche:

Lavorare al bar: arriva dal progetto Never alone la nuova proposta formativa rivolta a giovani migranti residenti a Roma

Una casa lontano da casa: 14 beneficiari del progetto Never Alone verso l’autonomia abitativa

Grandi Hotel della Capitale ospitano 23 tirocini formativi per i giovani migranti, selezionati dal progetto Never Alone

Condividi