Dal 2005 ad oggi sono 7.372 le persone, migranti e titolari di protezione internazionale, assistite da Programma integra. Nel 2018 hanno usufruito di uno dei servizi o progetti della cooperativa 1.341 nuovi destinatari. 2 i corsi di lingua italiana rivolti a migranti e rifugiati al fine di migliorare le loro competenze linguistiche e relazionali, 37 i tirocini formativi attivati, mentre sono state 9.120 le ore di mediazione linguistico-culturale erogate. A queste attività si aggiungono quelle di formazione che hanno riguardato i professionisti del sociale, per un totale di 308 formati. Questi alcuni risultati di un anno di attività – il 2018 – contenuti nel 6° Bilancio sociale di Programma integra.

Sono 5 le aree di intervento attraverso cui Programma integra realizza la sua mission, ognuna finalizzata a rispondere ai bisogni di specifici portatori di interesse.

L’area Inclusione sociale si rivolge ai migranti, richiedenti e titolari di protezione internazionale, e minori stranieri non accompagnati con servizi di assistenza socio-legale, orientamento al lavoro, corsi di lingua italiana e di formazione professionale, servizi di mediazione linguistico-culturale, mediazione sociale in ambito abitativo e supporto all’imprenditoria. Nel 2018 i percorsi di inclusione sociale hanno riguardato 1.341 nuovi destinatari per un totale di 1.904 interventi, di cui 752 realizzati dal servizio socio-legale e 730 dal servizio di orientamento al lavoro. 5 i percorsi formativi offerti tra cui 2 corsi di italiano, 1 corso professionale per panettieri, 1 corso per web developer e 1 corso per la creazione e gestione di un’associazione, mentre sono 37 i tirocini formativi attivati, principalmente nel settore turistico – alberghiero.

L’area Ricerca e scambio di buone pratiche promuove e realizza attività finalizzate a fornire/creare nuovi strumenti e metodologie per contribuire in maniera efficace allo sviluppo di un welfare efficiente. Nel 2018 i progetti di ricerca e scambio di buone pratiche in corso di realizzazione sono stati 6 su tematiche relative a: valutazione delle competenze dei migranti; rafforzamento delle competenze degli operatori che lavorano con migranti e rifugiati; formazione e scambio di buone pratiche in tema di accoglienza e integrazione; rafforzamento delle competenze interculturali delle società ospitanti; professionalizzazione degli imprenditori sociali. I principali programmi di finanziamento di riferimento sono Erasmus+ e AMIF – Asylum Migration and Integration Fund.

L’area Formazione offre corsi di formazione e aggiornamento per professionisti che operano nelle organizzazioni del Terzo settore, operatori dei centri di accoglienza per richiedenti e titolari di protezione internazionale ed educatori, responsabili delle risorse umane, operatori sociali e coordinatori, studenti e persone interessate al mondo dell’immigrazione. Nel 2018 quest’area ha ulteriormente implementato la sua attività, realizzando 4 corsi e 8 seminari formativi rivolti a professionisti del sociale (per un totale di 197 ore) e formando 308 professionisti del sociale tra cui: mediatori interculturali, studenti universitari, operatori sociali, psicologi, insegnanti. Inoltre, il 2018 ha visto concludersi il percorso formativo Lavorare con i minori stranieri non accompagnati: teorie e pratiche di accoglienza e inclusione sociale, realizzato in partenariato con l’università LUMSA, che ha visto la partecipazione di circa 20 addetti ai lavori e non.

L’area Assistenza tecnica offre assistenza tecnica all’amministrazione locale nella progettazione, gestione, monitoraggio e rendicontazione di interventi innovativi di inclusione sociale per migranti e rifugiati. Nel 2018 Programma integra ha supportato nelle attività di assistenza tecnica la Asl RM1  e nelle attività di monitoraggio e controllo finanziario la cooperativa sociale Virtus Italia.

L’area Socio-educativa realizza progetti e servizi socio-educativi rivolti alla prima infanzia. Particolare attenzione è data alle famiglie sia italiane che straniere in condizioni di fragilità sociale. I temi dei servizi e dei progetti riguardano l’educazione alla cittadinanza, il dialogo interculturale, il sostegno psicologico e alla genitorialità, la conciliazione vita/lavoro, trasferendo i valori di inclusione, tolleranza e condivisione nel settore educativo. Attualmente il principale progetto in corso è uno spazio Be.Bi. denominato “Piccolo nido”, una struttura bilingue che ospita bambini dai 18 ai 36 mesi, ispirata al pensiero di Maria Montessori.

Oltre a riportare i risultati di un anno di attività, il Bilancio sociale fornisce informazioni sulla composizione delle risorse economiche e sul loro allocamento. Si sottolinea che il 70,32% delle risorse è stato destinato alla realizzazione di servizi e progetti facenti capo all’area Inclusione sociale e quindi a supportare i percorsi di integrazione di migranti e rifugiati.

Bilancio sociale 2018

Scheda di sintesi del Bilancio sociale 2018

Scheda di sintesi del Bilancio sociale 2018_EN

Leggi anche:

I risultati di un anno di attività: online il 5° Bilancio sociale di Programma integra

I risultati di un anno di attività: online il 4° Bilancio sociale di Programma integra

I risultati di un anno di attività: online il 3° Bilancio sociale di Programma integra

I risultati di un anno di attività: online il 2° Bilancio sociale di Programma integra

I risultati di un anno di attività: online il 1° Bilancio sociale di Programma integra

Condividi