L’emergenza Corona virus ha imposto una digitalizzazione del lavoro, ma anche della comunicazione e delle attività quotidiane. In questo particolare momento storico è ancora più importante possedere delle buone competenze digitali. Per questo motivo nell’ambito del progetto YMC-I Young Migrants Integration improving Coding and digital skills , Programma integra, capofila dell’intervento, ha deciso di garantire l’erogazione del corso di coding in modalità e-learning, per giovani migranti.

Il progetto YMC-I non si ferma e intende preparare, i giovani migranti coinvolti, alle prossime grandi sfide
del mercato del lavoro attraverso un percorso formativo relativo al coding e la consulenza al lavoro offerta on-line.

Nel 2016 la Commissione Europea affermava che ‘all’interno dell’Unione mancano e mancheranno le competenze di base della programmazione informatica (coding). Si prevede la necessità di 900.000 professionisti delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione entro il 2020’.
Il tema del coding non è nuovo in Europa ma in Italia è raro sentirne parlare. Le nuove professionalità digitali diventano però sempre più richieste e il loro punto di forza consiste nel basarsi su competenze concrete, che permettono a chiunque di ottenere dei risultati, anche senza il conseguimento di una laurea.

YMC-I si pone quindi l’obiettivo di far emergere i talenti digitali, accrescere le loro competenze in questo
ambito e collegarli alle richieste di professionalità avanzate dalle aziende del mondo dell’Information
Technology.

Il corso di coding si connota come un percorso fortemente innovativo nei contenuti e nelle modalità di
erogazione. La cooperativa ULIS in collaborazione con la società BCsoft – Consulenza sistemi informativi, si occuperà dell’erogazione del corso avvalendosi della partecipazione di professionisti dell’IT e mira da un lato a offrire una vera chance di inclusione per i destinatari e dall’altro di soddisfare la crescente domanda di competenze digitali nell’ecosistema italiano, in particolare romano.

Il percorso formativo avrà una durata complessiva di 150 ore, per un totale di 18 ore settimanali erogate tra
settembre e novembre 2020. Le lezioni si svolgeranno online attraverso: piattaforma e-learning, project
work, tutoraggio a distanza e in presenza.

In particolare, il programma del corso prevede una formazione informatica in ambito HTML, CSS, Java
Script, React and Node.

I destinatari del percorso formativo sono: titolari di protezione internazionale, cittadini di seconda
generazione e migranti, con un’età compresa tra i 17 e i 29 anni. Una particolare attenzione verrà
riservata al segmento femminile, considerato lo storico basso tasso di occupazione femminile in Italia (che attualmente si attesta al 49%, penultimo in Europa stando ai dati riportati dall’European Trade Union
Institute).

Per accedere al corso è necessario possedere i seguenti requisiti:
1. buona conoscenza lingua italiana (B2 o B1);
2. conoscenza elementare della lingua inglese;
3. utilizzo elementare dei software più diffusi (Word) e dell’email.

Il corso è a numero chiuso, saranno ammessi un massimo 15 partecipanti. Per candidarsi al corso è
necessario inviare la scheda di candidatura all’indirizzo: comunicazione@programmaintegra.it, entro il 27
maggio 2020. Successivamente all’invio delle candidature tutti i candidati saranno contattati per i colloqui
individuali di selezione, anche questi da realizzare online.

Il progetto YMC – I: Young Migrants Integration improving Coding and digital skills è finanziato dalla King Baudouin Foundation (Belgio).

Programma corso coding

Leggi anche:

Competenze digitali: il progetto YMC-I prosegue con lo sportello di consulenza al lavoro online

Competenze digitali e lavoro: al via il nuovo progetto di Programma integra che promuove il coding

Condividi