Promuovere il Patto Europeo su Asilo e Migrazione, un’occasione per far prevalere ragione, alternative strutturate e rispetto dei diritti umani invece di panico e cinismo. E’ questo l’obiettivo di #hardlyrocketscience, una campagna di comunicazione lanciata da ECRE a cui Programma integra aderisce.

Per cinque anni l’Unione europea ha gestito male la cooperazione in materia di migrazione e asilo, e oggi si trova di fronte a una profonda crisi politica e umanitaria. La risposta a donne, uomini e bambini in cerca di protezione o opportunità in Europa è stata gas lacrimogeni, filo spinato, recinzioni o respingimenti verso abusi, violenza e persino morte. In questo processo l’Europa ha danneggiato la sua capacità di cooperare internamente e la sua credibilità e fiducia a livello internazionale. Questo quanto sostiene, nell’incipit della sua campagna #hardlyrocketscience, l’ECRE e a cui aderisce Programma integra.

Il Patto Europeo su Asilo e Migrazione rappresenta un’occasione per l’UE perché permette di attivare soluzioni alternative, quali:

  • Un sistema europeo di asilo basato sulla solidarietà. Un punto di partenza è che l’UE e gli Stati membri rispettino la legge sull’asilo esistente in materia di accoglienza, processo decisionale e sistemi di asilo di qualità, e sostituiscano il regolamento Dublino disfunzionale e ingiusto per l’attribuzione delle responsabilità.
  • Transito sicuro e legale per proteggere le persone in stato di bisogno. L’Europa potrebbe espandere in modo massiccio l’accesso sicuro e legale alla protezione per le persone bisognose attraverso reinsediamenti, percorsi complementari e ricongiungimento familiare, e anche la migrazione legale per le persone in cerca di opportunità di lavoro. Creerebbe così un vantaggio per tutti poiché l’Europa ha bisogno di persone. Inoltre darebbe un duro colpo ai trafficanti di esseri umani.
  • Inclusione nelle società europee. A partire dai diritti, il rispetto e la regolarizzazione, combattendo lo sfruttamento nel mercato del lavoro e la miseria.

Quali sono i problemi che solleva l’ECRE e la campagna a cui abbiamo aderito:

  • Procedure alle frontiere: non una panacea. Le procedure di asilo alle frontiere mineranno i diritti e aumenteranno la detenzione.
  • L’esternalizzazione della responsabilità di gestione dell’asilo e della migrazione è un’idea che non funziona.
  • Il mito del paese terzo sicuro deve essere sfatato.

Quali sono le alternative:

  • Fare in modo che il Sistema Comune Europeo di asilo funzioni.
  • Dublino si o no? Riforma fondamentale su come condividere la responsabilità di asilo in Europa e nel frattempo attuazione del sistema Dublino basata sui diritti.
  • Inclusione attraverso diritti, rispetto e riconoscimento.

Tutti i contenuti e i materiali della campagna #hardlyrocketscience possono essere approfonditi e scaricati sul sito dedicato.

Per partecipare alla campagna, è possibile inviare il logo della propria organizzazione al coordinatore della comunicazione di ECRE Villads Zahle vzahle@ecre.org.

Condividi