Al via il progetto S.Fi.De – Percorsi di Sostegno per i Figli di Persone Detenute

In un mondo dove l’infanzia dovrebbe essere sinonimo di gioia e crescita, ci sono bambini che affrontano sfide immense fin dai primi anni di vita. Il progetto S.Fi.De si propone di essere un faro di speranza e supporto per quei minorenni che, a causa delle circostanze familiari, vivono nell’ombra di una realtà complessa e dolorosa.  Progetto selezionati da “Con i Bambini”,  nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, questo progetto si rivolge a 140 bambini e ragazzi che portano il peso della detenzione di un genitore.

Un impegno concreto per il futuro

Il progetto, gestito da Men at Work con la collaborazione dei partner: Programma integra, ASP Asilo Savoia, Coop Area Sociale, Panta coop, Coop E Team, e il carcere di Rebibbia Nuovo Complesso, svolgerà le sue attività tra giugno 2024 e giugno 2027. L’obiettivo principale è promuovere uno sviluppo psicofisico sano e un’integrazione sociale efficace per questi giovani, garantendo al contempo la continuità del legame affettivo con il genitore detenuto.

Obiettivi

S.Fi.De  mira a migliorare in modo significativo e positivo la vita di questi ragazzi attraverso:

Il rafforzamento dei percorsi scolastici e socio-educativi: attraverso azioni individualizzate, il progetto mira a combattere la dispersione scolastica e a promuovere un ambiente di apprendimento stabile e stimolante.

Il miglioramento della relazione detenuto/figli: con attività di supporto all’interno del carcere, si cerca di mantenere e migliorare il legame affettivo tra il genitore detenuto e il figlio, fondamentale per lo sviluppo emotivo di quest’ultimo.

Il miglioramento della comunicazione familiare: facilitare una comunicazione aperta e costruttiva all’interno del nucleo familiare, per affrontare e risolvere i conflitti.

Destinatari e sfide

I destinatari del progetto sono 140 minori che, oltre a vivere la lontananza di un genitore, affrontano una serie di difficoltà che in genere includono problemi sociali, dispersione scolastica, disturbi relazionali e comportamentali, difficoltà di interazione con il genitore detenuto, situazioni di conflitto e violenza intra ed extrafamiliare, condizioni di precarietà economica e problematiche di salute.

Accanto a loro, i destinatari indiretti comprendono 90 detenuti e 10 figli di detenuti appena usciti dal carcere, che necessitano di un supporto immediato per accettare e reintegrare il genitore nella famiglia e nella società.

S.Fi.De non vuol essere solo un programma di intervento, ma intende solcare un segno tangibile di speranza per tante famiglie. Ogni azione, ogni piccolo successo nel migliorare la vita di questi giovani rappresenta un passo avanti verso un futuro più luminoso e meno segnato dalle ombre del passato. È un richiamo alla comunità a non voltare le spalle a chi si trova in difficoltà, ma a unire le forze per costruire un mondo più giusto e inclusivo.

S.Fi.De è più di un acronimo; è una promessa di cambiamento, un impegno a non lasciare nessun bambino indietro, indipendentemente dalle circostanze familiari. È un invito a guardare oltre le mura del carcere, per vedere il potenziale di ogni giovane vita e coltivarlo con cura e dedizione.

Comunicato stampa 

Per maggiori informazioni leggi la scheda progetto

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy