Babel, tutti i colori dell’Italia in TV

banner babel

 

Le migliori serie televisive dei paesi di origine degli stranieri residenti in Italia in lingua originale,   ma anche rubriche sugli appuntamenti culturali delle comunità di origine non italiana, rassegne di documentari e approfondimenti sui temi dell’immigrazione. E’ Babel, il primo canale televisivo completamente dedicato alle storie, gli usi, i costumi e i volti dei nuovi italiani, e visibile sul canale 141 di Sky.  Ne abbiamo parlato con il managing director Luca Artesi.

Quando e perché nasce Babel?
Babel nasce circa un anno e mezzo fa, a novembre del 2010.
Nasce perché abbiamo riscontrato la mancanza di un luogo dove mostrare le storie e i migliori programmi dai paesi di origine dei 5 milioni di “nuovi italiani” nel nostro paese. Normalmente i media trattano l’immigrazione come problema e non come risorsa.

Intrattenimento e approfondimento, tv per i nuovi italiani ma anche per gli autoctoni. Ci racconti cosa si vede su Babel?
Babel è il canale 141 di Sky e rientra dunque nell’area intrattenimento. Mostriamo le migliori serie televisive dai paesi natii delle principali comunità presenti in Italia, in lingua originale e sottotitolate in italiano, e produzioni originali che raccontano le storie dei nuovi italiani presenti sul nostro territorio.
L’ attualità è raccontata attraverso Babzine, il nostro magazine di informazione e approfondimento quotidiano, che diventa Babzine Cult, una edizione speciale del fine settimana dedicata agli appuntamenti culturali dei paesi del mondo presenti sul territorio italiano quali mostre, concerti, festival, eventi, presentazione di libri e tanti altri appuntamenti per allargare lo sguardo oltre le frontiere.
Siamo particolarmente orgogliosi di Babel perché anche gli “italiani di sempre” mostrano sempre più interesse e apprezzano positivamente la nostra offerta, essendo costituita da contenuti unici nel loro genere e non fruibili altrove.

Integrazione e promozione della conoscenza tra culture: quale è il contributo di Babel?
Crediamo che l’integrazione sia agevolata dalla conoscenza, la poca conoscenza crea paura e diffidenza.

Tra le vostre iniziative, avete realizzato una programmazione speciale per il Ramadan, quindi sulla Cina e ora sul Brasile. Come scegliete i temi di queste “monografie”?
Scegliamo le comunità maggiormente presenti sul nostro territorio e il meglio delle loro produzioni per le nostre serate dedicate: i “prime-time” dei cinque giorni feriali della settimana sono dedicati ad Africa, America Latina, Europa 27, Europa Extra e Asia.

Il palinsesto dà spazio a rubriche o approfondimenti per orientare i migranti arrivati da poco nel nostro paese? 
Si, il nostro magazine Babzine assolve questo compito con rubriche di attualità quotidiane e settimanali. Abbiamo una redazione di talentuosi giovani provenienti da diverse parti del mondo che diventano essi stessi protagonisti attraverso le interviste alle autorità del nostro paese e raccontando l’attualità che loro stessi vivono in prima persona.

Il sito di Babel è anche una community di persone che condividono idee, riflessioni e proposte. Quali sono le comunità più presenti e quali gli argomenti più discussi?
La community Babel.tv è parte integrante della nostra offerta, lì comunichiamo direttamente con i nuovi italiani, li coinvolgiamo in maniera attiva nel nostro lavoro: possono votare i loro programmi preferiti, inviare i loro contributi, segnalare storie che poi tratteremo in TV.

Cosa c’è nel futuro di Babel?
Un’offerta sempre più ricca qualitativamente e quantitativamente e con un numero sempre più elevato di comunità.

Per saperne di più: www.babel.tv

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy