Per un minore straniero i pari sono quasi sempre e solo ragazzi con i quali si vive in comunità, o ragazzi provenienti dallo stesso Paese di origine. Ma come riuscire a coinvolgerli in percorsi di cittadinanza attiva e in iniziative che possano renderli realmente autonomi e pronti per il mondo dopo il compimento dei 18 anni? Come sviluppare al meglio una rete intorno a loro? A queste domande cerca di rispondere il Position paper dal titolo La Consulta delle ragazze e dei ragazzi – Buone prassi di partecipazione giovanile per nuove forme di cittadinanza, realizzato da Save the Children, nell’ambito del progetto Xing Crossing Percorsi di inserimento per giovani migranti, finanziato dal bando Never Alone 2018 – Accoglienza e accompagnamento dei minori e giovani stranieri non accompagnati che arrivano in Italia soli.

Le Consulte delle ragazze/i hanno rappresentato un’occasione per migliorare la qualità di vita dei minori stranieri e giovani adulti, in primis consentendo loro di accedere alle stesse opportunità di cittadinanza dei loro coetanei italiani, nonché di attivare strategie di costruzione dei presupposti per il completamento del percorso di autonomia avviato durante la minore età.

Le consulte coordinate da Save the Children a Roma, Catania e Torino, secondo una metodologia consolidata, hanno sperimentato forme di impegno comune tra giovani migranti e giovani appartenenti alla comunità di accoglienza, attraverso la loro diretta partecipazione alla ideazione, progettazione e implementazione di attività strettamente connesse ad azioni di cittadinanza attiva a carattere territoriale.

Il Position paper è suddiviso nelle seguenti sezioni:

  1. Perché una Consulta delle ragazze e dei ragazzi?
  2. Una consulta per…far sentire la propria voce
  3. Una consulta per…essere protagonisti del cambiamento
  4. Una consulta per…interrogarsi sui generi in una prospettiva interculturale
  5. Una consulta per… una città anti-razzista: dall’esperienza Never alone a buona prassi sul territorio

Inoltre, all’interno del documento è contenuta anche l’appendice Come si costruisce una consulta, all’interno della quale sono state inserite le principali informazioni su come costruire il gruppo di lavoro, la metodologia da utilizzare e le prassi operative.

La Consulta delle ragazze e dei ragazzi – Buone prassi di partecipazione giovanile per nuove forme di cittadinanza

Leggi anche:

Xing-crossing: a Torino un murales che parla di fiducia e libertà realizzato dalla Consulta dei ragazzi

Giovani italiani e stranieri: le Consulte delle ragazze e dei ragazzi nel progetto Xing-Crossing

Condividi