Corte di Cassazione: non si può espellere un cittadino straniero in presenza di gravi motivi di salute

espulsioneLa Corte di Cassazione ha stabilito, con la sentenza n. 13252 del 27 giugno 2016, che bisogna garantire il diritto fondamentale alla salute del cittadino straniero e quindi non è possibile espellerlo dal territorio nazionale se presenta gravi problemi di salute.

I fatti: una cittadina peruviana ha visto respingere dal Giudice di pace di Roma il ricorso avverso il decreto di espulsione emesso nei suoi confronti nell’aprile del 2015. La cittadina straniera ha così deciso di ricorrere in Cassazione denunciando la violazione di alcune norme di diritto, derivanti dalla necessità di osservare un rigido protocollo post operatorio in seguito a un intervento chirurgico di asportazione di ovaie, tube, utero e linfonodi.

La sentenza: la Corte di Cassazione dopo l’esame del ricorso presentato dalla cittadina straniera, lo ha accolto perché il motivo è fondato, ed ha ribadito che ‘la garanzia del diritto fondamentale alla salute del cittadino straniero, che comunque si trovi nel territorio nazionale, impedisce l’espulsione nei confronti di colui che dall’immediata esecuzione del provvedimento potrebbe subire un irreparabile pregiudizio, dovendo tale garanzia comprendere non solo le prestazioni di pronto soccorso e di medicina d’urgenza, ma anche tutte le altre prestazioni essenziali per la vita’.

Corte di Cassazione_ordinanza n. 13252_27 giugno 2016

Leggi anche:

Corte Costituzionale: eliminate le restrizioni per gli stranieri in materia di prestazioni di invalidità

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy