Sono 24 milioni di euro le risorse che dovrebbero arrivare nelle casse dei Comuni italiani per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati giunti nel nostro paese in seguito all’emergenza Nord Africa 2012 ma ancora non resi disponibili da parte del Ministero delle Finanze. Lo ha denunciato lo scorso 30 gennaio Flavio Zanonato, Sindaco di Padova e Delegato ANCI per l’immigrazione, al Tavolo di confronto interistituzionale sul tema dei msna istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dal Sottosegretario, Cecilia Guerra.‘La situazione nei Comuni che hanno accolto i minori stranieri non accompagnati è al collasso’, ha spiegato Zanonato. ‘I ritardi nell’erogazione si sommano all’incertezza sulle risorse future, necessarie per far fronte all’accoglienza dei minori ancora in carico’, ha aggiunto il Sindaco di Padova che ha ricordato che soprattutto ‘i Comuni più piccoli rischiano di andare in dissesto finanziario’.

‘Altrettanto preoccupante – ha aggiunto – e’ la situazione rispetto ai cittadini stranieri adulti, ancora in accoglienza fino al 28 febbraio, il cui percorso verso l’autonomia e’ lento e accidentato. Non sappiamo cosa accadra’ a marzo e constatiamo che, se da un lato non sono stati messi in campo interventi efficaci di sistema per accompagnare all’integrazione, dall’altro non ci sono certezze in merito alla prosecuzione dell’accoglienza’’.

La copertura economica di interventi come quello avviato con l’emergenza Nord Africa deve essere garantita dallo Stato centrale ‘secondo il principio costituzionale secondo cui non possono essere attribuiti compiti agli Enti locali senza garantirne appunto la copertura economica’, ha concluso Zanonanto. ‘Se salta questa regola si mettono a repentaglio servizi fondamentali per i cittadini e la coesione delle nostre comunità’.

Leggi anche:

Emegenza Nord Africa: chiusura dello Stato di emergenza e graduale rientro al regime ordinario dell’accoglienza.

 

Condividi