ISA: incubatore per le imprese e le professioni

Una scuola incubatore per le imprese e le professioni che vede il lavoro e la cultura dell’imprenditorialità come strumenti elettivi di integrazione sociale per le categorie svantaggiate. E’ Impresa Sant’Annibale, una onlus fondata dall’Opera Rogazionista e dall’Associazione Minoranze Creative. Degli obiettivi che si pone, del modello di impresa sociale sviluppato e delle imprese finora incubate ne parliamo con il Presidente, Pierluigi Sassi.

Cosa è e quali obiettivi si pone Impresa Sant’Annibale?
Impresa Sant’Annibale ONLUS (per gli amici ISA) è un incubatore d’impresa nato a Roma, sul territorio del IX municipio e rivolto ai ragazzi delle case famiglia. L’iniziativa è stata promossa da un gruppo di esperti di marketing e comunicazione particolarmente attento al sociale e la secolare Congregazione dei Padri Rogazionisti.
L’obiettivo di ISA è quello di promuovere l’imprenditorialità quale strumento di integrazione per ragazzi il cui difficile percorso di vita rende vitale il momento dell’inserimento lavorativo. Per loro la realizzazione professionale è davvero una delle ultime chance per trovare una propria identità sociale e sfuggire al pericolo della devianza.
In particolare siamo convinti che nella nostra società esistano degli spazi straordinari per fare impresa con forti finalità sociali. E che in tali spazi siano proprio i soggetti che provengono dal disagio a poter esprimere le giuste sensibilità imprenditoriali per trarre un sano profitto dall’impegno sociale. Le nostre idee di impresa sono quindi tutte a doppio impegno sociale: il primo è quello di risolvere il disagio di chi ci lavora; il secondo è quello di costruire imprese che contribuiscano al bene comune.

Armonizzare profitto e responsabilità portando l’impresa a investire nel sociale: questo è il vostro modello di impresa sociale. Come si realizza? E come avviene il coinvolgimento delle aziende?

Gli investimenti privati servono, come serve la competenza ed il cipiglio di chi l’impresa la sa fare. Un cieco non può certo guidare un altro cieco. Impresa Sant’Annibale propone ad imprenditori esperti di aiutare nuovi imprenditori a fare della buona impresa. E il profitto in tutto questo non viene affatto messo da parte. Chi ha detto che fare impresa nel sociale significa non guadagnare? Piuttosto è un modo per contribuire alla società guadagnando!

I principali destinatari dei vostri interventi sono i giovani: da quali contesti provengono? Tra loro ci sono anche giovani immigrati? 

Le case famiglia sono l’evoluzione degli orfanotrofi. Oggi non abbiamo un problema di genitori morti in guerra che lasciano figli soli. Oggi abbiamo una moltiplicazione del disagio e della sua intrinseca complessità. Traumi famigliari ce ne sono di ogni sorta e certamente molti di loro sono legati al tema dell’immigrazione. Ma è ormai impossibile generalizzare. Ogni caso va trattato in modo unico. Con un amore unico.

Quali sono le principali attività realizzate? Privilegiate determinati settori di business?
Siamo in pista da appena un anno ma abbiamo già 4 start up attive. La più importante è la nascita di un progetto per l’intermediazione culturale che promuove l’integrazione delle comunità immigrate specialmente nella complessa sfera dei servizi pubblici e privati. Ha creduto fortemente in noi la Fondazione Vodafone che ha dimostrato una sensibilità fortissima a questo tema. Ed hanno creduto in noi alcuni imprenditori privati che ben comprendono quanto la sfera degli immigrati sia una realtà tra le più dinamiche del nostro Paese.

Parliamo del progetto di 
intermediazione culturale Si Dialoga, su cosa avete puntato per realizzare un servizio altamente qualificato?
Servizi telefonici, servizi web e servizi sul digitale mobile. L’incontro tra competenze umanistiche e tecnologia è ricco di potenzialità tutte da esplorare per chi ha il coraggio di fare impresa e contribuire all’innovazione.

Avete in cantiere nuove iniziative/progetti di impresa sociale?

Il settore del web-marketing è senza dubbio uno di quelli che ci attira di più. Lo scorso anno abbiamo formato i ragazzi in materia di informatica ed ora un selezionato gruppo approfondirà questi temi per tentare un’applicazione imprenditoriale nel settore della promozione web.
Ma anche l’enogastronomia si sta mostrando un settore interessantissimo da esplorare. Con la MG Logos – società di media relation specializzata – stiamo per dare il via ad un’Accademia di Catering alla quale prenderanno parte in forma assolutamente gratuita alcuni tra i più importanti nomi della nostra enogastronomia. Il catering sociale ci ha dato grandi soddisfazioni in questo primo anno con un piccolo gruppo di ragazzi coadiuvati da un operatore esperto. Se a questa prima esperienza affianchiamo un percorso di formazione con Stellati Micheline l’esperimento rischia di diventare un caso di assoluta eccellenza.
Insomma per fare del bene non bisogna fare elemosina. Piuttosto bisogna pensare alla grande e puntare al rilancio dello straordinario potenziale umano che c’è in ognuno di noi.

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy