La Buona Scuola: più ore dedicate all’apprendimento della lingua italiana per gli alunni stranieri

E’stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge n.107 contenente il testo della ‘Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione’, volta ad affermare il ruolo centrale della scuola nella società della conoscenza e innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone i tempi e gli stili di apprendimento, per contrastare le diseguaglianze socio-culturali e territoriali.

Il Testo approvato dal Parlamento ed entrato in vigore il 16 luglio 2015 inserisce l’alfabetizzazione e il perfezionamento della lingua italiana come seconda lingua per gli alunni di cittadinanza non italiana, tra gli obiettivi formativi primari.

I nuovi strumenti suggeriti dalla Riforma per migliorare l’apprendimento della lingua italiana degli alunni stranieri sono la realizzazione di corsi e laboratori da organizzare in collaborazione con gli enti locali e il terzo settore, con l’apporto delle comunità di origine, delle famiglie e dei mediatori interculturali.

Inoltre, tra gli obiettivi formativi primari viene citato ‘lo sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell’educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture’.

Il testo approvato prevede, inoltre, un monitoraggio da parte del MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca dell’ offerta formativa e dell’ampliamento delle attività dei centri di istruzione per adulti, volte anche ‘a favorire la conoscenza della lingua italiana da parte degli stranieri adulti’.

Infine, si evince che le scuole con un tasso di alunni stranieri più alto potranno contare su un maggior numero di docenti, il potenziamento di organico (circa 50mila docenti) previsto dalla riforma, andrà infatti distribuito per il 90% in base al numero di iscritti, ma per il 10% in base ad altri criteri come ad esempio il tasso di dispersione scolastica o, la presenza di alunni stranieri.

MIUR_legge n.107_13 luglio 2015

Leggi anche:

Ministero Istruzione: accesso alle graduatorie per supplenti anche per gli insegnanti stranieri

Ministero Istruzione: anche i figli di immigrati irregolari possono iscriversi a scuola online

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy