È possibile coinvolgere i capitali privati per il bene collettivo? Il paradigma della relazione fra pubblico e privato non profit per la realizzazione di progetti e servizi non potrà più essere l’unico driver alla base dell’intervento sociale. C’è sempre più urgenza di coniugare il sistema pubblico con soggetti privati for profit che cercano di avere o incrementare l’ impatto sociale dei loro investimenti. Questo il tema dello studio di fattibilità che il Dutch Council for Refugees ha finanziato a Programma integra e che vorrà sperimentare un modello di investimento a supporto dell’integrazione dei rifugiati.

Il Dutch Council for Refugees è un’organizzazione indipendente che supporta i rifugiati durante la procedura e durante il loro percorso di integrazione nella società olandese. Ogni anno attraverso lo Step Up Fund finanzia, in un’ottica di costruzione di partenariati, progetti di capacity building in Italia, Spagna e Grecia.

Quest’anno tra i progetti finanziati c’è il progetto “Re Impact: impact investing in refugees integration” proposto da Programma integra. Re Impact vuole realizzare uno studio di fattibilità sulla possibilità di utilizzare strumenti come il Payment by result a beneficio di organizzazioni del terzo settore per la realizzazione di percorsi di integrazione dei rifugiati.

Il meccanismo prevede la partecipazione di investitori privati e di un ente pubblico disposto a “ricompensare” l’investimento a fronte del vantaggio sociale ricevuto.

Lo studio partirà con un’analisi che ci permetterà di definire cosa è “integrazione” per poi proseguire con interviste mirate e ricerche sulla possibilità di applicare il metodo Pay by result in Italia alla luce della spinta anche istituzionale all’innovazione sociale e della ripresa economica alla porte.

Il progetto ha una durata di 10 mesi e da maggio 2022 prevede la realizzazione di workshop informativi sul tema che possano diffondere una cultura dell’investimento a valenza sociale anche nel settore dell’inclusione e dell’integrazione dei rifugiati.

Visita la pagina dello Step Up Fund

 

Condividi