Tra ottobre 2020 e maggio 2022 sono stati presi in carico dal servizio di orientamento al lavoro di Programma integra oltre 60 tra ragazzi e ragazze di origine straniera di età compresa tra i 16 e i 21 anni. Questi i principali risultati delle attività realizzate nell’ambito del progetto La Penisola che c’è, un’iniziativa finanziata dai fondi 8×100 – Presidenza del Consiglio dei Ministri, e coordinato dal CIR-Consiglio italiano per i rifugiati.

Avviato ad ottobre 2020 le attività da realizzate erano relative principalmente a:

  • orientamento all’istruzione e formazione professionale
  • accompagnamento all’autonomia lavorativa

Sono 62 i ragazzi e le ragazze incontrati durante i mesi di progetto, ognuno di loro ha potuto elaborare con il supporto degli operatori sociali coinvolti, un bilancio di competenze ma anche un career plan, strumenti utili e necessari alla corretta pianificazione dei percorsi di autonomia lavorativa.

Programma integra ha assegnato 7 borse lavoro e 14 doti formative. I programmi di tirocinio si sono svolti presso: bar caffetterie, ristoranti, società edili, cooperative sociali impegnate nella promozione di attività culturali e sociali.

Le doti formative, invece, hanno finanziato principalmente: tasse di iscrizione a istituti superiori o università, corsi per la patente di guida, corsi di formazione per pizzaiolo e corsi per acconciatori, kit materiali scolastici, oltre a divise e libri di testo.

I ragazzi e le ragazze incontrante, provenivano principalmente da: Egitto, Nigeria, Albania, Tunisia, Pakistan e Bangladesh.

Il progetto è coordinato dal CIR-Consiglio Italiano per i rifugiati, con un partenariato composto da: Programma integra, Civico Zero (Roma), Save the Children e Fondazione Franco Verga.

Leggi anche:
La penisola che c’è: al via un nuovo progetto rivolto a minori stranieri non accompagnati e giovani adulti

Formazione e lavoro: aperte le candidature per l’assegnazione di doti educative e lavorative rivolte a minori stranieri e giovani adulti

Condividi