Gli enti locali, a breve, potranno presentare la domanda di contributo per l’avvio di progetti di accoglienza in favore di minori stranieri non accompagnati. E’ prevista l’apertura di 1.000 posti in più a partire dal 2016 nell’ambito del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR).

Il 18 maggio 2015 il Ministero dell’Interno ha comunicato che gli enti locali potranno presentare domanda di contributo per attivare servizi di accoglienza in favore dei minori stranieri non accompagnati. Verranno attivati per tutto il 2016, 1.000 posti di accoglienza nell’ambito del Sistema Sprar che si andranno ad aggiungere a quelli già esistenti dedicati a tale tipologia di beneficiari.

A breve saranno pubblicate in Gazzetta Ufficiale le modalità di presentazione delle richieste. I progetti presentati dagli Enti Locali dovranno garantire il rispetto dei diritti del minore straniero non accompagnato e assicurare l’avvio graduale del giovane verso l’autonomia e l’inclusione nel tessuto sociale del territorio.

Leggi anche:

Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione: avviso per progetti di accoglienza rivolti a minori stranieri non accompagnati

Minori stranieri non accompagnati: in Italia registrate oltre 12mila presenze

 

 

Condividi