Protezione internazionale: in Italia presentate oltre 80mila richieste nel 2015

Bella faccia neraSono 65,3 milioni i migranti forzati nel mondo. Nel corso del 2015 oltre 12milioni di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case in cerca di protezione. I principali paesi di origine dei richiedenti e titolari di protezione internazionale sono: Siria, Afghanistan e Somalia. In Italia nel 2015, il numero dei migranti sbarcati sulle coste ha raggiunto la quota di 153.842, mentre le richieste di protezione internazionale sono state 83.970. Questo quanto emerge dal 3° Rapporto sulla Protezione internazionale 2016, realizzato da Anci, Cittalia, Caritas italiana, Fondazione Migrantes e Servizio Centrale Sprar, in collaborazione con l’Unhcr.

Nel mondo

Nel 2015 a livello mondiale i migranti forzati sono 65,3 milioni, di cui 21,3 milioni di rifugiati, 40,8 milioni di sfollati interni e 3,2 milioni di richiedenti asilo, il più alto numero registrato dalla seconda guerra mondiale. Solo nel corso del 2015, più di 12,4 milioni di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case in cerca di protezione; di queste circa 8,6 milioni sono rimaste all’interno dei confini nazionali, mentre circa 1,8 milioni hanno trovato protezione in altri paesi. I restanti due milioni costituiscono i nuovi richiedenti asilo, ciò significa che in media ogni minuto sono 24 le persone sfollate in tutto il mondo, circa 34mila al giorno.

Lo scorso anno i principali paesi di accoglienza dei rifugiati sono stati: Turchia (2,5 milioni), Pakistan (1,6 milioni di rifugiati), Libano (1,1 milioni) e Iran (979mila persone).

I principali paesi di origine dei rifugiati alla fine del 2015 sono: Siria (4,9 milioni di rifugiati), Afghanistan (2,7 milioni), Somalia (1,1 milioni), Sud Sudan (778mila), Repubblica democratica del Congo (541mila), Repubblica Centrafricana (471mila), Myanmar (451mila), Eritrea (411mila) e Colombia (340mila).

In Europa

In Europa nel 2015 sono state presentate 1.393.350 domande di protezione internazionale, di cui il 94,9% nei 28 Paesi membri dell’UE. La Germania, con 476.620 è il primo Paese per richieste di protezione internazionale, con una crescita pari al 135% rispetto al 2014. Seguono Ungheria e Svezia con rispettivamente 177.135 (13,4%) e 162.550 (12,3) domande.

In termini di crescita percentuale la Finlandia è il paese che rispetto al 2014 registra l’aumento maggiore passando da 3.630 domande a 32.345 domande (+791%).

Delle 88.255 domande di asilo presentate da minori stranieri non accompagnati il 40% sono state presentate in Svezia (35.250), il 16,4% in germani (14.400), il 10% in Ungheria (8.805), il 9,4% in Austria (8.275) e il 4,6% in Italia (4.070).

A fronte delle 776.160 decisioni adottate dagli Stati membri dell’UE nel 2015 il 43% (333.205) ha portato al riconoscimento di una forma di protezione internazionale.

In Italia

Nel nostro paese nel 2015, il numero dei migranti sbarcati sulle coste ha raggiunto la quota di 153.842, di questi il 10,7% sono minori. A fine ottobre invece gli sbarcati risultano essere 159.432 (+13% rispetto all’anno precedente) di cui 19.429 minori stranieri non accompagnati (pari al 12,1%).

Rispetto ai Paesi di origine nel 2015 la maggior parte dei migranti provengono dall’Eritrea (39.162 pari al 25,4% del totale) e dalla Nigeria (22.237), seguono Somalia (12.433) e Sudan (8.932).

Lo scorso anno le domande di protezione presentate sono state 83.970, di cui l’88,5% da parte di uomini e il 4,7% costituito da minori stranieri non accompagnati. Nei primi sei mesi del 2016 le domande sono state 53.729, il 64% in più rispetto allo stesso periodo del 2015.

Su oltre 71mila istanze di protezione internazionale esaminate, in 13.780 casi è stata riconosciuta una forma di protezione. In particolare, è stato concesso lo status di rifugiato a 3.555 richiedenti, mentre la protezione sussidiaria è stata accordata a 10.225 casi, invece, il permesso di soggiorno per motivi umanitari è stato concesso a 15.768 persone.

A fine ottobre 2016 gli accolti nel sistema di accoglienza italiano sono 171.938, di cui 1.225 negli hotspot, 14.015 nei centri di prima accoglienza, ben 133.727 nelle strutture temporanee (i CAS coordinati dalle Prefetture) e solo 22.971 nei progetti SPRAR.

Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2016_sintesi

Leggi anche:

Protezione internazionale: in Italia presentate quasi 65mila richieste nel 2014

SPRAR: nel 2015 accolti quasi 30mila richiedenti e titolari di protezione internazionale

Asilo in UE: nel 2015 oltre 1,2 milioni di richieste di protezione internazionale

 

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy