Concluse con successo le sessioni info-formative rivolte agli operatori pubblici del Dipartimento Politiche Sociali e Salute di Roma Capitale e a coloro che operano in strutture di accoglienza del circuito SAI cittadino.

Sono stati 3 gli incontri info-formativi tenuti presso la Sala Rosi del Dipartimento, su tematiche relative di accoglienza e inclusione di persone rifugiate, richiedenti asilo, titolari di protezione sussidiaria e apolidi,

Guidati da Programma integra, UNHCR e Europe Consulting i tre appuntamenti, che  sono stati avviati da Rosa Aquilina Incaricato di Posizione Organizzativa – Dipartimento Politiche Sociali e Salute, hanno visto la partecipazione attiva di 26 operatori del sociale pubblico e privato.

La scelta degli argomenti trattati è stata generata dall’esame di un questionario sui bisogni formativi somministrato agli operatori in una fase propedeutica al corso, la cui elaborazione ha determinato la volontà di approfondimento dei seguenti temi:

  • definizione delle diverse forme di protezione Internazionale
  • procedura di determinazione della protezione Internazionale
  • informazione sui principali Paesi di origine dei cittadini rifugiati
  • accesso ai servizi per richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale
  • sistema di accoglienza per Richiedenti Asilo e Titolari di Protezione Internazionale
  • rete di accoglienza di Roma Capitale
  • iscrizione anagrafica e permessi di soggiorno
  • servizi e strumenti inserimento lavorativo e abitativo Richiedenti e Titolari di Protezione Internazionale

Ottimi i feedback di fine percorso rilevati attraverso i test di gradimento compilati dai 26 operatori, che hanno rivelato un particolare apprezzamento per il programma didattico e l’efficacia dei docenti impegnati nella formazione.

Molto prezioso si è rivelato anche il contributo dei partecipanti, che attraverso la condivisione diretta della propria esperienza personale hanno potuto arricchire ulteriormente la formazione,  creando una virtuosa circolazione di informazioni, uno scambio di buone pratiche e fornendo una serie di input utili per il miglioramento del lavoro di tutti.

L’attività è stata realizzata nell’ambito del progetto Re-center – Refugees One-Stop-Shop in Rome, che intende aumentare e rafforzare le opportunità di inclusione per le persone richiedenti asilo e rifugiate presenti sul territorio capitolino tramite lo sviluppo di un modello One-Stop-Shop (OSS). L’iniziativa è implementata da Programma Integra con il supporto di UNHCR.

Leggi anche

Re-centeR Refugees One-Stop-Shop in Rome: decollano gli sportelli di orientamento al lavoro e alla casa rivolti a rifugiati e richiedenti asilo

Rifugiati e inclusione sociale: realizzato il primo evento del progetto Re-centeR Refugees One-Stop-shop in Rome

Includere, comunicare, sensibilizzare: avviate le attività del progetto Re-centeR Refugees One-Stop-Shop

 

Condividi