Rifugiati: alloggio e iscrizione anagrafica non sono obbligatori per il rinnovo del permesso di soggiorno

Il Ministero dell’Interno, con la circolare del 22 giugno 2015, ha chiarito, in seguito alla segnalazione pervenuta da diverse associazioni di cittadini stranieri relativa al mancato rinnovo da parte della Questura di Roma del permesso di soggiorno, che per i titolari di protezione internazionale non è obbligatorio dimostrare nè l’alloggio né l’iscrizione anagrafica.

In particolare, le segnalazioni pervenute riguardano il rigetto del rinnovo del permesso di soggiorno legato alla mancata dimostrazione da parte del richiedente dell’iscrizione anagrafica della propria dimora abituale e di una correlata sistemazione abitativa certa sul territorio.

Il Testo Unico sull’Immigrazione dispone che ‘le iscrizioni e variazioni anagrafiche dello straniero regolarmente soggiornante sono effettuate alle medesime condizioni dei cittadini italiani’. L’iscrizione anagrafica costituisce in particolare il presupposto per esercitare alcuni diritti come l’accesso all’assistenza sociale e sanitaria.

Nel caso dei titolari di protezione internazionale la residenza è anche oggetto della Convenzione di Ginevra, in cui l’art. 26 prevede che ‘ciascuno Stato contraente concede ai rifugiati che soggiornano regolarmente sul territorio di diritto di scegliervi il loro luogo di residenza’, però nella prassi emerge che i titolari di protezione internazionale pur avendo stabilito in un certo Comune il proprio luogo di dimora abituale si trovi a non avere una sistemazione alloggiativa certa.

In questi casi l’iscrizione anagrafica può avvenire attraverso la registrazione della persona senza fissa dimora nel relativo Registro nazionale, gestito presso ogni Comune.

Per quanto riguarda i titolari di protezione internazionale il Ministero dell’Interno nella circolare evidenzia che ‘non vi è l’obbligo di dimostrazione dell’alloggio né della iscrizione anagrafica’.

Infine, il Ministero dell’Interno invita il Prefetto a vigilare affinchè gli uffici comunali garantiscano il diritto dei titolari di protezione internazionale all’iscrizione anagrafica anche in assenza di una situazione alloggiativa effettiva, quali persone senza fissa dimora.

Circolare_Ministero dell’Interno_rinnovo pds titolari di protezione internazionale

Leggi anche:

Governo: novità sul riconoscimento della protezione internazionale e rilascio del permesso di soggiorno

Lungo soggiornanti UE: anche i titolari di un permesso di soggiorno infermieristico possono richiedere la carta di soggiorno

 

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy