Permettere alle autorità nazionali o regionali responsabili della validazione e riconoscimento delle competenze di allineare i loro sistemi con un modello convalidato dall’UE – il modello REC – focalizzato su un obiettivo specifico e basato su standard europei (ESCO – EQAVET). Questo il principale obiettivo delle Raccomandazioni politiche elaborate da Programma integra, nell’ambito del progetto REC – Professional skills’ development for recognition and validation of informal and non-formal competences learning of migrants and refugees & labour market inclusion.

Il documento sviluppato contiene 10 raccomandazioni politiche, declinate per 3 differenti gruppi target:
❖ decisori politici
❖ operatori del settore (formatori, esperti di orientamento, mediatori interculturali, consulenti, ecc.)
❖ pubblico generale

Le Raccomandazioni sono state convalidate dall’intero partenariato di progetto a livello transnazionale attraverso 5 focus group specifici che hanno coinvolto stakeholder provenienti da Italia, Spagna, Germania, Grecia, Belgio e Francia, e grazie all’analisi di 95 questionari – somministrati a operatori pubblici e privati coinvolti a vario titolo nel sistama di validazione e riconoscimento delle competenze- al fine di:
a) raccogliere feedback sul kit di strumenti REC prodotto dal partenariato del progetto
b) fornire raccomandazioni/suggerimenti sul sistema di convalida delle competenze e sui diversi strumenti utilizzati nei differenti paesi UE

Infine, la scelta di includere anche il pubblico generale come target delle Raccomandazioni politiche ha lo scopo di ampliare la conoscenza dei cittadini sull’importanza del ruolo svolto dal sistema UE di riconoscimento delle competenze e delle abilità (soprattutto trasversali/non formali) per una migliore integrazione nel mercato del lavoro, in particolare per le categorie svantaggiate (come i disoccupati di lunga durata o i migranti/rifugiati).

Le Raccomandazioni politiche sono disponibili in: italiano, greco, spagnolo, tedesco, francese.

Raccomandazioni finali_EN

Leggi anche:

Riconoscimento e validazione delle competenze: a Roma la conferenza finale del progetto europeo REC

Competenze trasversali e non formali: un’analisi del sistemi di validazione UE, il rapporto del progetto REC

Condividi