Unhcr: favorevole a cittadinanza per figli di rifugiati in italia

L’Unhcr – Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha espresso il proprio apprezzamento per l’intenzione del Ministero dell’Interno di emanare una circolare esplicativa sulla legge sulla cittadinanza.

La legge n.91 del 1992 stabilisce, infatti, che sia considerato cittadino italiano per nascita il figlio di genitori apolidi ed allo stesso tempo prevede che nella sua applicazione la condizione del rifugiato e quelle dell’apolide siano equiparati.

La circolare del Ministero dell’Interno dovrà dunque chiarire che equiparati gli status di apolide e di rifugiato anche il figlio nato in Italia di genitori titolari di protezione internazionale possa ottenere la cittadinanza italiana.

Laurens Jolles, Delegato Unhcr per il Sud Europa ha affermato che ‘E’ la stessa Convenzione di Ginevra sullo status di rifugiato ad impegnare gli Stati contraenti a facilitare l’acquisizione della cittadinanza per i rifugiati. Auspichiamo quindi che la circolare possa essere emanata in breve tempo per rafforzare il processo d’integrazione dei bambini, figli di rifugiati, in Italia’.

Comunicato stampa Unhcr

Leggi anche:

Unhcr: l’accesso alla residenza è necessario per garantire l’integrazione dei rifugiati

Unhcr: in Europa bisogna dar voce agli apolidi

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy