Visti rilasciati, permessi di soggiorno non rinnovati: gli ultimi dati sui flussi regolari e irregolari di migranti

In Italia nel 2010 sono stati rilasciati oltre 1,5 milioni visti di ingresso e 200mila visti nazionali validi per soggiorni superiori a 3 mesi. Sono invece 600mila i permessi di soggiorno per lavoro e famiglia validi fino alla fine del 2009 e non più rinnovati a distanza di un anno. Sono i dati diffusi dall’European Migration Network – EMN nel rapporto “Canali migratori. Visti e flussi irregolari”.

Rispetto al 2009, nel 2010 i visti rilasciati dalle autorità italiane sono stati circa il 10% in più (1.543.408) e oltre il 63% in più in confronto al 2001. A crescere è stato anche il numero dei visti nazionali (validi per soggiorni superiori ai 3 mesi) che nel 2010 sono stati 218.318, con un incremento del 17% rispetto al 2001. Le motivazioni del rilascio sono principalmente familiari e lavorative sebbene nell’ultimo decennio si evince una prevalenza di quelli per motivi familiari che si attestano tra il 37% e il 44%. Il rapporto segnala però una preponderanza dei visti per motivi di lavoro nel periodo tra il 2007 e il 2009, in particolare nel 2008 quando il 59,3% dei visti è stato rilasciato per motivi riconducibili a ragioni professionali e solo il 25,7% per ragioni familiari.

Il volume fornisce anche dati sui flussi irregolari e stima che su una popolazione di quasi 5 milioni di cittadini stranieri regolarmente residenti nel nostro paese, il 10% è irregolare. Sul passaggio dalla regolarità alla irregolarità c’è ancora molto da fare poiché la presenza irregolare, sottolineano i ricercatori, è dovuta nella maggior parte dei casi non all’ingresso in Italia senza autorizzazione bensì alla permanenza che si protrae oltre il dovuto (overstaying). E’ questo il caso delle 600mila persone in possesso di permessi di soggiorno per lavoro e per famiglia scaduti il 31 dicembre 2009 e mai più rinnovati.

Il rapporto illustra infine i provvedimenti legislativi e le misure attuate dall’Ue per regolare l’ottenimento dei visti – come ad esempio l’entrata in vigore del nuovo codice Schengen – e per contrastare l’immigrazione irregolare – i pattugliamenti, le espulsioni e gli accordi bilaterali finalizzati al ritorno. Tuttavia ribadisce l’importanza del rafforzamento del dialogo con i paesi dell’Africa e del Mediterraneo e della realizzazione delle attività di prevenzione come le campagne di sensibilizzazione e i progetti informativi implementati nei paesi terzi mettendo in guardia i potenziali migranti sulle conseguenze dell’irregolarità.

L’European Migration Network è una rete comunitaria istituita dalla Commissione europea per rispondere alle esigenze di informazione delle istituzioni UE e delle autorità degli Stati membri, e per informare l’opinione pubblica con notizie e dati affidabili. I temi degli approfondimenti vengono decisi a livello comunitario e di essi tiene conto la Commissione nelle relazioni da presentare al Consiglio e al Parlamento.

Canali migratori. Visti e flussi irregolari – scheda sintetica

Condividi
5x1000 a programma integra

Sei pronto a fare la differenza?

Con ProgrammaIntegra.it, puoi contribuire al cambiamento con un gesto semplice: donare il tuo 5x1000 nella dichiarazione dei redditi.

Sostieni la nostra missione di promuovere l'inclusione sociale e fornire servizi vitali a favore dell'infanzia, dell'adolescenza e delle famiglie, così come degli individui in situazioni di vulnerabilità sociale.

Iscrizione Newsletter

  • Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali trasmessi ai sensi dell'art. 13 del GDPR. Informativa ex art.10 legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui Privacy Policy