Era una bella mattina di febbraio quando 12 uomini e donne, tutti cittadini rifugiati, per la prima volta hanno preso in mano gli attrezzi del mestiere di manutentore del verde e hanno cominciato una nuova avventura, per molti desiderata da tempo, per altri, una passione nuova come la loro vita in un paese lontano da casa.

La formazione è stata realizzata dal partner di progetto Cooperativa Sociale Folias che sotto la guida dei suoi docenti esperti, ha potuto erogare 200 ore di formazione, fornendo ai partecipanti i migliori metodi e tutti gli strumenti necessari ad  acquisire una professionalità che vede i suoi settori produttivi di riferimento nella floricoltura, nel giardinaggio e nella manutenzione del verde pubblico.

I manutentori formati potranno da oggi svolgere inoltre la loro attività in contesti lavorativi e aziende varie, quali: cooperative di manutenzione di aree verdi, punti vendita di settore, garden center, imprese specifiche (irrigazione, progettazione e realizzazione aree verdi pubbliche e private).

La formazione è una delle molte svolte nell’ambito di Destinazione comune e il progetto prevede per questo tipo di attività anche una piccola narrazione video, così da poterne dare una testimonianza dalle vive voci dei protagonisti anche all’esterno.

Per questa fase di documentazione del corso, il partner di progetto CNCA Lazio ha realizzato un video, da oggi online e fruibile a tutti.

Guarda il video del corso Manutentore del verde

Destinazione comune e un progetto a valenza regionale che intende realizzare percorsi integrati, multi azione e personalizzati per la piena partecipazione e l’inclusione socio-economica (casa, lavoro) e socio-culturale (socializzazione, (in)formazione, sensibilizzazione) dei titolari di protezione internazionale nella Regione Lazio. Il progetto è finanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 (FAMI) Obiettivo Specifico 1.Asilo – Obiettivo nazionale ON 1 – lett c) – Potenziamento del sistema di 1° e 2° accoglienza – Avviso Realizzazione di percorsi individuali per l’autonomia socio-economica.

Condividi